Giovani e smartphone: una droga?
Adolescenza,  Educazione digitale

Giovani e smartphone: una droga?

Durate un incontro in una seconda superiore, ho chiesto ai ragazzi di scrivere un titolo di giornale che indagasse il rapporto tra i giovani e gli smartphone. Alcuni di loro si sono chiesti: è una droga? Ecco cosa è emerso.

Oggi ho chiesto ad alcuni ragazzi di 15 anni di scrivere un titolo su giovani e nuove tecnologie. Riporto i loro lavori (le parti tra parentesi sono ovviamente mie).

I primi hanno scritto:

“SOCIAL, è davvero come tutti credono?”
La nuova droga dei giovani, così affermano i nati prima di oggi. Ma è realmente così? Solo i giovani usano il telefono? Senza bisogno di tanti studi si può confermare che è un fenomeno globale, tutti lo usano e sentono il bisogno di usarlo. Sarebbe bene diminuire il suo abuso, ma non sarà più possibile tornare indietro. NON È COLPA DEI GIOVANI.

(quando scrivono “non c’è bisogno di tanti studi” ho pensato a tutte quelle ricerche uguali che continuiamo a pubblicare su quante persone hanno i social, quanti Instagram…)

I secondi:

“Telefono: Nuoce o aiuta i giovani?”
Da tempo il telefono è entrato nell’uso quotidiano DI TUTTI. Ma a quale scopo?
-Facilita le comunicazioni
-Fornisce lo stesso bagaglio culturale che c’è in biblioteca
MA il telefono NON è perfetto, un po’ come l’essere umano

(solo che molti esseri umani pensano di esserlo)

I terzi:

“Il telefono è un oggetto negativo come si pensa?”
Gli adulti pensano che il telefono abbia solo lati negativi. Però in realtà non è così, perchè ci sono molti aspetti positivi che non vengono considerati. Ad esempio puoi fare ricerche immediate, puoi comunicare a distanza in tempo reale. Questi sono alcuni degli aspetti positivi. E anche vero che alcune persone ne fanno un uso eccessivo ma ciò non vuol dire che per forza tutti quanti lo usino in maniera spropositata. Quindi, per concludere, il telefono è un oggetto positivo se usato nel modo corretto e consapevole

I quarti (senza dubbio i più sarcastici, ma per varie ragioni posso mettere solo l’incipit):

“I giovani d’oggi. Non è più come una volta”
La generazione è cambiata. Una volta si usavano i giornaletti, invece oggi è cambiato tutto! È più semplice e immediato. Questo vuole dire che i giovani d’oggi sono più “veloci”…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *